Sociale

Prospettive per l’Ambito socioassistenziale del Mediofriuli

di Redazione web

Marco Del Negro, Sindaco di Basiliano, è il nuovo presidente dell’Assemblea dei Sindaci dell’Ambito socioassistenziale del Mediofriuli che è composto da 11 Comuni. I servizi sociali sono erogati dall’ASP Daniele Moro. Del Negro ha condiviso con “il ponte” le prospettive dell’Ambito.

“Il tema dei servizi sociali è certamente tra i più rilevanti per le nostre amministrazioni locali. A tale settore vengono riservate importanti risorse umane ed economiche. Il servizio sociale del Mediofriuli si è da sempre distinto per la varietà e capillarità dei servizi offerti. Nel nostro territorio i sindaci hanno lavorato assieme per garantire altissimi standard qualitativi e progettualità all’avanguardia.
Ora il settore è interessato da un processo di riorganizzazione complessivo a livello regionale teso ad omogeneizzare le prestazioni e gli standard di erogazione dei servizi, pur lasciando ai territori la dovuta autonomia organizzativa e progettuale.
L’obiettivo dei prossimi mesi sarà quello di approvare la nuova convenzione per la gestione dei servizi sociali: atto fondamentale che disegna il modello di gestione dei servizi. Dovrà essere perfezionato il rinnovo della delega all’ASP Daniele Moro quale concretizzazione di una volontà condivisa tra le Amministrazioni locali.
È una soddisfazione per me poter rappresentare l’intero territorio del Mediofriuli su una tematica tra le più rilevanti in un’ottica di servizio al cittadino. In questi anni, anche grazie allo strumento dell’Unione di Comuni è stato possibile partecipare a progetti europei e ricevere dei finanziamenti per iniziative di prevenzione e supporto socio sanitario. Il progetto CaRe, ad esempio, si pone l’obiettivo di creare una rete di supporto ad anziani con deficit cognitivi ed alle loro famiglie.
Va valorizzato il grande patrimonio rappresentato dalle tante associazioni di volontariato che operano nel sociale e senza le quali non si potrebbero garantire certi servizi quali ad esempio il trasporto, l’assistenza a domicilio degli anziani, la cura e l’ospitalità di persone affette da disabilità motorie e cognitive.
Il Mediofriuli ci consegna anche esempi di investimenti nel campo dell’edilizia sociale, di collaborazioni tra pubblico e privato per il recupero di immobili da adibire a centri per anziani o per famiglie bisognose, come avvenuto ad esempio a Variano di Basiliano.
Inoltre, si dovrà tendere ad una sempre maggiore integrazione tra sociale e sanitario. La riforma della sanità regionale con la riorganizzazione delle Aziende dovrà trovare il nostro territorio pronto alla sfida. Il Codroipese da sempre ha puntato sui servizi sanitari di prossimità, per evitare un eccessivo ricorso agli ospedali e per promuovere una rete territoriale di servizi sanitari diffusi.
In un incontro, tenutosi a Basiliano, il prof. Brusaferro ora Presidente dell’Istituto superiore di sanità, portava molteplici esempi di come la prima prevenzione sanitaria venga fatta grazie alle reti di supporto sociale che si attivano, anche spontaneamente, sul territorio. Comuni, associazioni ed operatori professionali sono parte di queste reti. Da questa convinzione intendiamo ripartire per i prossimi anni. Sarà mia cura fare il possibile per creare le condizioni che facilitino il lavoro di ciascuna nodo di quella rete, a partire dai colleghi Sindaci.”

Ultimo aggiornamento: 25/08/2019 16:34