Codroipo, Libri, Furlan

Il Premio San Simon per la 3^ volta a Serafini

di Astrid Virili

©MMMi.it
Si è tenuta ieri sera nella Sala Consiliare del municipio di Codroipo la premiazione della 40^ edizione del Premi San Simon, il più prestigioso premio letterario in lingua friulana, vinto nel corso degli anni da autori del calibro di Amedeo Giacomini, Franco Marchetta, pre Toni Beline, Gianni Gregoricchio.
Quest’anno il concorso prevedeva due sezioni: raccolte di racconti e cortometraggi.
La giuria della sezione corti, presieduta dal regista Marco D’Agostini e composta da Tiziana Cividini, Marco Bressan e Alberto Youssef, ha ritenuto di non assegnare il premio essendo pervenuti solo due lavori e di segnalare l’opera “Doman” di Elia Adami, con la seguente motivazione:
“La jurie e vûl segnalâ il curtmetraç di Elia Adami pes interpretazions dai protagoniscj, rindudis intune maniere otime, pal nivel professionâl une vore alt de fotografie (ancje poetiche) e dal montaç. Chestis buinis carateristichis a varessin cjatât plui fuarce cuntune narazion plui sintetiche te part centrâl dal curtmetraç, dulà che l’autôr al varès podût contâ miôr la impazience de fantate, cjapant dentri di plui il spetatôr e rindint la conte plui dinamiche. In gjenerâl la trame e patis par un messaç no dal dut clâr, dulà che il sens de storie al reste par aiar, metût dome tes mans dal public.”
La giuria della sezione letteraria, presieduta da Walter Tomada e composta da Tiziana Cividini, Antonella Sbuelz e Gabriele Zanello, ha assegnato il premio all’opera “Bisest” di Raffaele Serafini, vincitore per la terza volta del San Simon dopo le edizioni 2015 e 2017. Tra le sei pervenute, ha inoltre segnalato l’opera “Une altre vie” di Francesco Tami, che aveva vinto il San Simon nel 2000.
Ecco la motivazione ufficiale del premio:
“Lavôr articolât e ben studiât, che cui siei contignûts, tal timp istès atuâi e distopics, al scjasse il letôr. La lenghe e je la plui part colocuiâl, ma mai evasive, e il lessic al è avonde svareât. La competence di grafie e je sigure. Pecjât par cualchi piçul fal, massime morfosintatic, che dutcâs si perdone a colp stant la cure narative di une opare che e pant une vision dramatiche di un mont dominât di une fuarce salvadie. Come che al note ae fin il stès autôr, cheste racuelte di contis e devente ae fin un romanç implacabil su la nestre coletivitât di vuê e di doman. La sielte coragjose di evocâ la derive de societât moderne cuntun furlan vivarôs e potent e cree l’efiet di incrosâ temis fondamentai come identitât locâl e malstâ globâl, fasint viodi che justizie e paritât a son plui siums che obietîfs, e che la comunicazion massmediâl e i “social” a son dispès imprescj che no coventin ae comunicazion ma ae persuasion. E no a fin di ben… Un voli trist e dispietât sul nestri avignì. Un avignì che cui che al lei al sperarà di no viodi sucedi mai.”
Congratulazioni allo scrittore Raffaele Serafini che si conferma ai vertici della letteratura in lingua friulana.

EVENTI DI OGGI

Lestizza Villa Bellavitis, vedi locandina
Mostra Itinerante
Sala Abaco, Corte Italia, Codroipo, 17:30
La verità nel sangue
SEGNALA EVENTO
GALLERY
INFO UTILI
RIVISTA STAMPATA
Ultimo aggiornamento: 19/01/2020 11:17