Codroipo, Arte e spettacoli, Furlan

Il San Simon premia il miglior romanzo e fumetto in friulano

di Astrid Virili

Guido Nardini premia Gianluca Franco
Silvia Polo premia Lorenzo Marangone e Giulia Stirpe
Silvia Polo premia Raffaele Serafini
Sala consiliare gremita ieri sera a Codroipo per la cerimonia conclusiva del Premi San Simon, il più prestigioso e longevo nell’ambito della letteratura in lingua friulana, giunto alla 43^ edizione.
Quest’anno il concorso prevedeva due sezioni, una dedicata ai fumetti e una per il miglior romanzo in lingua friulana. La serata, condotta da Mauro Missana, direttore di Radio Onde Furlane, ha visto susseguirsi gli interventi del sindaco di Codroipo Guido Nardini, dell’assessora alla cultura Silvia Polo e delle numerose autorità intervenute. Aida Talliente ha letto brani dell’opera vincitrice.
Marco Bressan, presidente della giuria per la sezione fumetti, ha spiegato che l’opera partecipante era soltanto una, e che la giuria ha ritenuto di premiarla riconoscendone il valore. Si tratta di “Friûl in tâl mont” di Lorenzo Marangone e Giulia Stirpe. La motivazione data dalla giuria è la seguente.
“Ancje se e je evidente une cierte ingjenuitât dal pont di viste grafic, al ven fûr un gust pardabon plasevul pal colôr e pes formis. Imagjins e conte a vadin indenant in maniere coerente mostrant il grant impegn dai autôrs par puartâ insom une storie atuâl dulà che il malstâ sociâl dai timps di vuê al cjate une origjinâl vie di fughe: une soluzion che cualchi volte nus plasarès a ducj che si inveràs…”
Walter Tomada, presidente della giuria per la sezione romanzi, ha espresso soddisfazione per il fatto che sono pervenute ben 9 opere, di cui almeno 5 o 6 valutate di buon livello. Il premio è andato a Gianluca Franco per il romanzo “Une storie sole”, con la seguente motivazione: “A prin colp il romanç "Une storie sole" al podarès someâ segnât di un pinsîr une vore pessimistic, par vie che lis vicendis dolorosis, ingredeadis, problematichis di diviersis personis si disvolucin in mût paralêl e si presentin al letôr tant che une cjame grivie di puartâ indenant. In particolâr, la storie e je centrade su dôs storiis - chê di Lucio e chê di Robert - che a puartin il letôr a confrontâsi cuntune domande fondamentâl che e parten ae vite dal om: il probleme dal mâl. Tal prin câs il mâl al è chel naturâl, che nol à nissune cause prossime, ma che al somee scrit in mût inelutabil dentri de vite di ducj i vivents, inclaudât te lôr debilece. Tal secont câs il mâl al è chel che al derive dal arbitri dal om, e duncje al ven premeditât intun mût cussient e razionâl, ancje se al reste di capî trop che chel arbitri al sedi libar, e trop che invezit al resti vincolât a di une cundizion naturâl e al mâl patît par colpe di chei altris oms. L'epilic dal libri al mostre che la muart e la vite a son peadis tra di lôr; che la salvece e la vite a nassin ancje di esperiencis di muart (e i reste al letôr di sielzi se chest al va riferît a di une causalitât o a di une casualitât); che, in mûts diferents, ducj chei altris protagoniscj de storie a cjapin part a une conclusion che e previôt la salvece, come che l'autôr nus ricuarde cu la sentence finâl: «Cheste int, che ducj no san, e sta salvant il mont» (Jorge Luis Borges, I juscj). La responsabilitât e je personâl ancje se la storie e je coletive, e la storie e je une sole ancje se al somee che ogni vite e ledi indenant suntune sine diferente.
L'implant naratîf al ven tignût in man dal autôr in mût salt e rigorôs. I profîi psicologjics dai personaçs no son dome delineâts in mût verisimil, ma ancje cun sensibilitât e profonditât. Ancje a pet di cualchi piçule insigurece tal ûs dal furlan centrâl e de grafie, la cualitât de lenghe e je une vore buine”.
La giuria ha ritenuto anche, all’unanimità, di segnalare le opere "Lune rosse comanche" di Francesco Tami “pe vivarosetât dal miscliç des imagjins e dai stîi che a regalin un mosaic di citazions pardabon une vore siôr di sugjestion” e "Zaraton" di Raffaele Serafini “pe fuarce visionarie e metaforiche di un scrit che al met dongje îr, vuê e doman intun potent cuadri naratîf”.
Gianluca Franco diventa così, insieme a Raffaele Serafini, l’autore più premiato al San Simon: entrambi, infatti, si sono aggiudicati il prestigioso premio per ben 4 volte. Entrambe le opere premiate, romanzo e fumetto, sono state pubblicate a cura della Società Filologica Friulana.
Durante la fiera di San Simone, che si è svolta dal 14 al 23 ottobre, è stato organizzato un ricco calendario di eventi per valorizzare e far conoscere gli autori in lingua friulana e le opere vincitrici delle passate edizioni. L’auspicio dell’amministrazione comunale per i prossimi anni è di far crescere la manifestazione fino a farla diventare un vero e proprio festival letterario. L’organizzazione del concorso è stata curata, oltre che dalla Biblioteca Civica “G. Pressacco” di Codroipo, dalla Società Filologica Friulana, ARLeF e Istitût Ladin Furlan “Pre Checo Placerean”.

EVENTI DI OGGI

Villa Valetudine, Via Codroipo 25, Camino al Tagliamento, 10.00 - 17.00 ogni giorno - anche sabato e domenica, previo appuntamento
Mostra - Fabrizio Mason
Villa Valetudine, Camino al Tagliamento
Alba Nuova
Villa Valetudine, Camino al Tagliamento
Mostra"Overzichtstentoonstelling"
Campo sportivo di Zompicchia, Codroipo
Sagre di San Pieri e Pauli
Corte Bazan, Goricizza di Codroipo
La Musica è... Servita!
SEGNALA EVENTO
GALLERY
INFO UTILI
RIVISTA STAMPATA
Ultimo aggiornamento: 15/06/2024 13:43