Talmassons, Arte e spettacoli

Percorso culturale "Affreschi senza confini"

di Mario Passon, Operatore pastorale di Flumignano

È stato presentato alla comunità di Flumignano il progetto “Affreschi senza confini”, un percorso culturale che valorizza gli affreschi della Chiesa antica di Flumignano. Questo progetto si realizza in tre Cammini nella bassa pianura friulana.
Gli affreschi della Chiesa di Flumignano sono inseriti nel terzo Cammino assieme a Santa Maria del Mare di Lignano Sabbiadoro, Madonna del Suffragio di Palazzolo dello Stella, San Martino Vescovo di Castions di Strada e di Bertiolo e Santa Maria Assunta di Varmo.
Il progetto è stato ideato dall’Associazione “Ad Undecimum” di San Giorgio di Nogaro con la collaborazione della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e ha il sostegno del Comune di Talmassons e della Parrocchia del Santi Apostoli Pietro e Paolo di Flumignano.
La Chiesa di Flumignano racconta molto attraverso questi affreschi, racconta non solo la storia del paese, ma un tratto importante della storia del Friuli. Eugenio Evtuschenko, poeta e scrittore russo si domandava: “Se si manda al deposito la storia su che cosa crescerà il futuro ?”.
La Chiesa di Flumignano ha questa facoltà di raccontarci cose antiche: i suoi affreschi sono la memoria di persone, di relazioni, la condivisione di un cammino di fede che parte da molto lontano, sono immagini volute dalle nostre comunità locali che entrando nello loro Chiese volevano conoscere, attraverso le immagini, le Sacre Scritture.
Nel progetto “Affreschi senza confini” sono proprio gli affreschi dell’abside della Chiesa antica a raccontarci queste storie di fede, in un’epoca, tra la fine del 400 e l’inizio del 500, dove l’esistenza era faticosa, pericolosa e difficile.
Come altrimenti spiegare l’architettura dell’abside: le vele, le lunette, l’arco, e poi la storia del Cristianesimo per immagini dai dodici apostoli, alla consegna della chiavi a Pietro, dalla conversione di San Paolo ai quattro padri della Chiesa (Ambrogio, Agostino, Gregorio Magno e Gerolamo), ai profeti, alla crocefissione e sopra l’Eterno Padre benedicente con sulle ginocchia il libro della “Parola di Dio”.
Un racconto che sembra un fiume, che, come ci ricorda il poeta Celso Macor, non dobbiamo lasciar asciugare: “Se la risultiva si suia, se i riui non puartin plui aga al flum, se lis lidris si secjn tal brusà dal soleri, se i oms taponin le jerbe semenade tai secui ... di no nol restarà che cjant e liende, se il flum al mur”.
Presenti all’evento l’Amministratore della Parrocchia di Flumignano mons. Guido Genero, il sindaco del Comune di Talmassons Fabrizio Pitton, il vicesindaco Roberto Grassi, il Presidente dell’Associazione “Ad Undecimum” Lodovico Rustico.
Per visitare gli affreschi si può prenotare al numero della parrocchia 0432 766318.
Ultimo aggiornamento: 29/01/2023 01:01