Arte e spettacoli, Ricordi

Addio ad Angela Lansbury, la mitica signora in giallo

di Angelo Cannella

©FB AL
Si è spenta serenamente nel sonno una delle icone del cinema e della televisione mondiale: la mitica Angela Lansbury.
Britannica di nascita, ma americana di adozione, Angela Lansbury ha scritto pagine memorabili del cinema e della televisione.
Premiata nel 2014 con il premio Oscar alla carriera, la Lansbury è stata diverse volte candidata per la mitica statuetta.
Versatile e talentuosa, di successo, perfettamente funzionale in ogni film, è stata la vincitrice di ben cinque Tony Award e sei Golden Globe, mentre è stata candidata per ben tre volte agli Oscar come miglior attrice non protagonista e ben otto volte agli Emmy Awards.
Forse una delle più importanti attrici e cantanti britanniche del teatro inglese e americano che è riuscita a spopolare anche sul grande e piccolo schermo, con una carriera che è andata avanti per ben otto decadi. Un nome che è diventato una garanzia cinematografica a partire dalla sua prima apparizione nel 1944 con "Angoscia" fino a "I pinguini di Mr. Popper " del 2011 con Jim Carrey.
La sua bravura e versatilità le ha permesso di interpretare moltissimi ruoli: la troviamo come madre manipolatrice di Laurence Harvey in "Va' e uccidi"(1962) o nel ruolo della strega inglese Miss Price che combatte a suon di incantesimi contro i nazisti in "Pomi di ottone e manici di scopa" per la Disney (1971) o come zia Adelaide in "Nanny McPhee" (2005).
Mentre a partire dagli Anni Cinquanta, è stata una delle più rispettabili, ammirate e celebrate signore del musical broadwayano: un palcoscenico che ha conquistato a suon di repliche di "Gypsy - A Musical Fable", "Zia Mame", "Sweeney Todd", "Deuce", "Blithe Spirit" e "A Little Night Music".
Ma uno dei suoi personaggi più conosciuti è certamente quello di Jessica Fletcher, ovvero la serie" La signora in giallo".
Grazie a «La signora in giallo», il volto di Angela Lansbury è entrato in tutte le case diventando una presenza famigliare insostituibile. Nei panni di Jessica Fletcher, insegnante in pensione che si dedica alla scrittura di gialli e diventa soprattutto abilissima nel risolvere delitti, l’attrice ha attraversato oltre un decennio di televisione, con 264 episodi andati in onda negli Usa per 12 stagioni, dal 1984 al 1996, e poi con quattro film per la tv. In Italia il telefilm arrivò su Rai1 a partire dal 1988.
«La signora in giallo» in originale si intitola «Murder, she wrote». È uno dei telefilm più longevi e di successo della storia, prodotto dalla Cbs sullo stampo delle opere di Agatha Christie, ma con un taglio più americano. La scrittrice-detective Jessica Fletcher ha un fiuto infallibile e uno stile inconfondibile,
«La signora in giallo» vive nel paesino americano di Cabot Cove: si tratta di un luogo immaginario della East Coast, collocato nello Stato del Maine in New England, in un porticciolo che dà sull’Atlantico. In realtà, le riprese della serie vengono girate per la maggior parte in California, a Mendocino, dove si trova la villetta in cui abita Jessica Fletcher.
Ed è per questo, ancora per un bel po', ricorderemo con un sorriso la scrittrice ficcanaso dai capelli cotonati e i tailleur di tweed che risolveva misteri in quel di Cabot Cove.

EVENTI DI OGGI

Villa Valetudine, Via Codroipo 25, Camino al Tagliamento, 10.00 - 17.00 anche sabato e domenica
il Fiume che Canta - mostra fotografica di Paolo Ciot
Villa Valetudine, Via Codroipo 25, Camino al Tagliamento, 10.00 - 17.00 anche sabato e domenica
Mostra d'arte - Antonio Falleti
SEGNALA EVENTO
GALLERY
INFO UTILI
RIVISTA STAMPATA
Ultimo aggiornamento: 07/02/2023 03:53