Lettere

Considerazioni su sobrietà, eleganza e capacità di dialogo

di Graziano Vatri

La recente scomparsa di un importante esponente politico della cosiddetta 1° Repubblica, Arnaldo FORLANI all’età di 97 anni, mi spinge ad alcune scarne considerazioni. Esponente di spicco del partito della D.C. (scioltosi nel 1993) con ruoli primari quali quello di segretario politico E di presidente del consiglio nazionale, più volte ministro nei dicasteri della difesa, partecipazioni statali, agli esteri, vicepresidente del consiglio nel governo di Bettino CRAXI costruendo un solido rapporto politico con lo stesso e con il successivo premier Giulio ANDREOTTI. A tal proposito, era celebre l’acronimo CAF dalle iniziali dei tre leaders. Nel 1980, assunse per circa un anno, anche il ruolo di presidente del consiglio. Fu grande amico di un altro democristiano Ciriaco DE MITA con il quale costruì un patto generazionale nei primi anni ’70 del secolo scorso, bruscamente interrotto dai vecchi esponenti di allora, capitanati da Amintore FANFANI. Apparentemente refrattario agli incarichi, venne soprannominato da una certa stampa, come “il coniglio mannaro”. Nelle elezioni per il presidente della repubblica del 1992, sfiorò per pochi voti, l’investitura e questo a causa dei franchi tiratori, in particolare del suo partito. Durante il periodo di tangentopoli, venne travolto anche lui, per il teorema che, riguardo ai finanziamenti illeciti dei partiti, da segretario, “non poteva, non sapere”. Fu processato e condannato con l’affidamento ai servizi sociali. Si ritirò completamente dalla vita pubblica, vivendo con totale riservatezza ed esemplare dignità, questi ultimi anni di vita. Questo politico mi ha sempre colpito in positivo non solo per lo spessore politico, la tolleranza e la capacità di dialogo, l’equilibrio e le capacità dimostrate nei ruoli ricoperti, ma anche per lo stile sobrio ed essenziale, composto ed elegante, così bene tratteggiato dall’interessato in un libro autobiografico del 2009: “Il potere discreto”. Certamente, come gli altri protagonisti della parte finale della 1° Repubblica, commise errori fatali come quello di non avere capito e di non avere tratto le debite conseguenze, circa la fine di un lungo ciclo storico. Ma al di là delle luci o delle ombre, resta il ricordo di una stagione in cui l’Italia è cresciuta fino a d arrivare nel novero dei paesi più industrializzati ed importanti del mondo ed in cui l’ascensore sociale funzionava bene, senza mai dimenticare il valore della solidarietà. Ovviamente non si vive di nostalgie e bisogna rendersi conto di quanto la società ed il mondo siano profondamente cambiati, non sempre in meglio. Rispettare le proprie radici e non dimenticare il proprio vissuto, però, mi sembra giusto, corretto e, sotto certi aspetti, doveroso. Arnaldo FORLANI è stato tra i migliori protagonisti di quel lungo periodo storico della politica italiana, per questo va ricordato e rispettato.

EVENTI DI OGGI

Villa Valetudine, Via Codroipo 25, Camino al Tagliamento, 10.00 - 17.00 ogni giorno - anche sabato e domenica, previo appuntamento
Mostra - Fabrizio Mason
Villa Valetudine, Camino al Tagliamento
Alba Nuova
Villa Valetudine, Camino al Tagliamento
Mostra"Overzichtstentoonstelling"
Campo sportivo di Zompicchia, Codroipo
Sagre di San Pieri e Pauli
Corte Bazan, Goricizza di Codroipo
La Musica è... Servita!
SEGNALA EVENTO
GALLERY
INFO UTILI
RIVISTA STAMPATA
Ultimo aggiornamento: 15/06/2024 13:43