Codroipo, Lestizza, Rivignano Teor, Varmo

L'Ute del Codroipese rema con saggezza

di Giancarlo Tonutti

©MMiculan
©MMiculan
©MMiculan
Ieri, 13 aprile abbiamo festeggiato la chiusura dei Corsi 2023-24 e inaugurato la Mostra dei lavori in Laboratori Ute di Codroipo, Lestizza e Rivignano/Teor e Varmo.
Per l'Ute del Codroipese è stato un anno positivo: siamo riusciti a riprendere il ritmo dopo le incertezze della pandemia, è aumentato il numero dei corsisti e la proposta di nuovi corsi, accanto alla attività dei corsi e dei Laboratori abbiamo proposto, non solo a Codroipo, brevi momenti seminariali con più argomenti, lezioni aperte terminate a fine marzo con la presentazione del Bilancio del Comune di Codroipo. Non sono mancate Prolusioni e presentazione di libri da parte degli autori (azione particolarmente proposta dalla sezione di Rivignano/Teor), né sono mancate occasioni di viaggi di istruzione accompagnate da Docenti o nell’ambito di proposte turistico-culturali anche complesse. Per tutte queste iniziative desidero ringraziare tutti i Docenti ed i Collaboratori, nonché coloro che sono intervenuti per le Lezioni Aperte , le Prolusioni ed i Seminari.
In questa occasione però desidero ringraziare particolarmente Tutte e Tutti coloro che hanno accompagnato con la loro passione ed impegno professionale l’attività dei Laboratori che ora presentano le loro opere a testimonianza del loro lavoro. Nel contempo voglio ringraziare per la loro partecipazione i Cori Ute di Codroipo e Lestizza: il loro impegno si esprimerà con la musica in modo altrettanto positivo!
Un ringraziamento particolare andrà poi a chi ci consente di donare opere di elevata qualità a istituzioni di cui si vuole riconoscere la importanza che Ute attribuisce al loro lavoro!
Ma passiamo ora, dopo aver parlato del presente, a qualche considerazione per il nostro futuro!
Sappiamo infatti che il mondo in cui viviamo sta cambiando ad una velocità elevata che talvolta non riusciamo a misurare. Il mondo ed il nostro Paese cambiano per molti aspetti (nell’economia, nell’organizzazione e nel funzionamento delle istituzioni, ma anche nelle abitudini delle persone e delle loro capacità di adattamento a situazioni non sempre facili da comprendere). Cambiano i rapporti tra persone e cambiano la struttura e la composizione delle famiglie. Anche noi cambiamo almeno in parte ma talvolta non riusciamo a capire come comprendere il cambiamento in atto. Questo può provocare momenti di disagio e decisioni di ”affidarsi” a chi ci sembra possa darci aiuto. Spesso infatti il Cambiamento aumenta l’incertezza e provoca da un lato rabbia e da un altro solitudine da sfiducia nella società o semplicemente nelle persone che conosciamo.
Noi non siamo qui solo per darci una mano per vivere al meglio la nostra anzianità: siamo in Ute per coltivare la forza d’animo e le convinzioni che abbiamo maturato e rifinito durante la nostra vita. Siamo qui per testimoniare, a noi stessi ed alla comunità di cui siamo parte, che le nostre “radici” son feconde e che la “vecchiaia”- ricordate ciò che ci disse la scorso anno don Ivan, non è una malattia.
Creatività e soddisfazione per ciò che stiamo facendo nelle nostre Istituzioni (Aifa e Ute) sono modi per rendere più forte la nostra vitalità in casa e nella comunità. Le nostre sono esperienze che vogliono rafforzare il nostro agire, la nostra amicizia e le convinzioni profonde che animano le nostre certezze. Non è l’invenzione di nuove definizioni che ci dà orgoglio (per esempio anzianità invece di vecchiaia) ma la consapevolezza che quanto abbiamo fatto e ciò che continuiamo a fare cercando sostengono la nostra personalità e la nostra utilità per la famiglia e la Comunità.
Per questo vi propongo un piccolo motto :
TERZA ETA’ NON SIGNIFICA TIRARE I REMI IN BARCA MA REMARE CON SAGGEZZA

EVENTI DI OGGI

Villa Valetudine, Camino al Tagliamento
Alba Nuova
Villa Valetudine, Camino al Tagliamento
Mostra"Overzichtstentoonstelling"
SEGNALA EVENTO
GALLERY
INFO UTILI
RIVISTA STAMPATA
Ultimo aggiornamento: 24/06/2024 23:08